Georges Gurvitch

Georges Gurvitch

Georges Gurvitch (1894-1965), dopo i primi studi di filosofia e diritto, si dedicò alla sociologia nell’intento di sviluppare un pensiero in grado di cogliere il divenire della realtà sociale, in una continua tensione umana e intellettuale propria del suo spirito di studioso e della sua esperienza di vita. Nacque in Russia, dove visse in prima persona la Rivoluzione d’Ottobre e iniziò la carriera accademica nelle università di Pietrogrado (oggi San Pietroburgo) e di Tomsk. Emigrato nel 1920, insegnò a Praga per poi approdare in Francia, sua patria d’elezione dal 1925, e prendere, nel 1935, il posto di Halbwachs alla cattedra di sociologia a Strasburgo. Tra il 1940 ed il 1945 soggiornò negli Stati Uniti, entrando così in contatto con la sociologia nordamericana. Rientrato in Francia, dal 1948 fu professore alla Sorbona e all’École Pratique des Hautes Études. Pensatore arguto e appassionato, oggi quasi dimenticato, ha lasciato ampia traccia di sé in opere come La vocazione attuale della sociologia (1950); Determinismi sociali e libertà umana (1955); Dialettica e sociologia (1962).

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password