Daniele Palma

Daniele Palma, nato a Calimera (LE) nel 1952, forse perché impaziente di dedicarsi alla neonata passione per l’astrofisica, nel 1970 conclude brillantemente gli studi classici saltando l’ultimo anno di liceo. Negli anni seguenti, in effetti, studia fisica prima a Lecce e poi a Roma, laureandosi nel 1975 con una tesi nella quale introduce un nuovo parametro per lo studio di alcune caratteristiche degli ammassi globulari, grandi concentrazioni di stelle intorno alla nostra galassia. Tra un esame e l’altro trova il tempo di esprimere le sue opinioni – sulla politica, sull’economia e sul costume – in vari giornali locali, spesso da lui stesso fondati, diretti ecc.: forse, crede, per un residuo gusto per il componimento. Intanto pubblica su riviste specialistiche i risultati dei suoi studi: da solo ("Evidence and properties of double shell burning stars in globular clusters"), con il relatore della tesi ("A parametric approach to the slope of the globular clusters giant branches") e con un gruppo di docenti e ricercatori dell’Università di Lecce ("Mutual relationships between ice mantle and silicate core properties of interstellar grains").

 

La scoperta, non solo del parametro δ0.6, ma anche del fatto che la ricerca scientifica è bella quanto avara con i suoi amanti, specialmente se questi pretendono di dare uno sbocco concreto ai propri studi in un lasso ragionevole di tempo, lo induce a correggere la propria rotta, quanto basta per approdare ai lidi dell’informatica, scienza e tecnica allora pionieristica. Così, mentre passa attraverso cinque diverse aziende tra Roma e Lecce, riascolta il seducente canto delle sirene che gli rammentano come la sua anima – attratta fino a quel momento un po’ dall’umanesimo e un po’ dalla scienza – può trovare un buon equilibrio affiancando, a un’attività lavorativa nel segno della logica e dell’elettronica, uno spazio di tempo libero dedicato alla ricerca storica e linguistica, con lo spunto di un’identità peculiare propria di una terra d’origine sospesa tra Oriente e Occidente. Credendo, quindi, di voler conoscere nomi, cognomi e date importanti di tutti i suoi antenati (e delle antenate), intraprende una ricostruzione sistematica delle migliaia di famiglie che sono vissute a Calimera dal Seicento all’Ottocento. Non solo: inseguendo le radici proprie e della moglie Dolores Greco, finisce per interessarsi anche del territorio circostante e dei suoi antichi abitanti.

 

Lungi dal cercare improbabili quarti di nobiltà, scopre che i suoi figli, Giuseppe, Maria Veronica e Luigi Matteo, hanno inattesi antenati tra arcipreti di rito greco, mercanti genovesi, scultori,... e, strada facendo, raccoglie tante altre notizie – riportate come curiosità da alcuni benemeriti parroci antichi – che si rivelano particolarmente interessanti per la filopatria. Comincia così a pubblicare questi ritrovamenti, prima connettendoli con una trama narrativa (A metà del guado – Vicende religiose nella Calimera del Seicento [Calimera 1988]; Alba di luna sul mare – Tragedia di Roca tramandata oralmente sull’altra sponda [Galatina 2000]), poi all’interno di saggi lunghi (I Castriota a Calimera, sul «Bollettino storico di Terra d’Otranto», n. 10 [2000]; A nord di Kunta Kinte: incursioni e rapimenti in Terra d’Otranto intorno al secolo dei lumi sul «Bollettino», n. 11 [2001]) e anche in forma divulgativa ("Donde Vrani", "Il Campanile di Borgagne"; "Belloluogo, un nome che viene da lontano’", «Quotidiano» 29/1/2001, 14; "Roca, covo di pirati distrutto da Carlo V", «Quotidiano» 4/6/2001, 17).

 

Nel 2002 vedono la luce la monografia Roca – La diaspora unita nel culto di Maria e il saggio Un buon Lagetto inedito sugli eventi del 1480-81 in Otranto sul «Bollettino» n. 12, su cui continua, negli anni successivi, la pubblicazione delle risultanze scaturite indirettamente dagli studi genealogici: Cronache di altri tempi: tutti i particolari nei registri; Speranza nell’Essere e certezza del divenire in antichi documenti parrocchiali; Lingua e rito greco a Calimera e negli altri centri dell’area rocana. Nel frattempo, si dà corpo allo studio sulla feroce guerra turca, che colpisce le genti salentine mentre altrove il buio medievale è rischiarato dagli splendori rinascimentali, dando inizio a incubi plurisecolari che accomunano ancora una volta questo lembo d’Italia ai destini della Grecia, in un sincronismo perfetto di morte e resurrezione, fino all’inizio dell’Ottocento. In questo modo, Daniele Palma si ricollega agli studi iniziali sulle affinità culturali in senso lato della propria terra con il mondo ellenico.

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password