Pubblicato il: 06.04.2018
Formato: cm 14x21
Pagine: 160
Note: e-book disponibile (ISBN: 9788885863187)
ISBN: 9788885863057
Collana: ISemi 02

Il pallone e la miniera


Storie di calcio e di emigranti


Autore: Tonio Attino
Illustrazione e progettazione: Fabio Chiriatti
Collana: I semi

La sera del 19 settembre 1973 Bill Shankly, il coach del grande Liverpool, incontra il passato. Entra negli spogliatoi avversari e striglia il suo capitano Hughes indicandogli i giocatori della Jeunesse. Sono dilettanti, operai, minatori, immigrati italiani. Tenaci, orgogliosi. Il Liverpool avrebbe dovuto travolgerli nel primo turno di Coppa dei Campioni. Non ci riesce.
Lo Stade de la Frontière è incastrato tra le case, le miniere, i comignoli delle acciaierie. Il quartiere Hoehl è questo: la terra del ferro, degli operai e del pallone. Non c’è differenza tra calciatori e minatori. A Esch-sur-Alzette, città a sud del Lussemburgo, un abitante su tre è italiano. Nel quartiere Hoehl, uno su due. Nel raggio di 25 chilometri sbuffano 49 altiforni.
Grazie a miniere e calcio, questo pezzo di Europa ha inventato la libera circolazione delle persone un secolo prima del trattato di Schengen e attraversato silenziosamente la storia. Le lotte operaie. La resistenza al nazismo. Incontrerà poi la tragedia dell’Heysel, il Real Madrid di Alfredo Di Stefano, il Milan di Trapattoni e la Juventus di Platini. E quella sera del 1973 dà una lezione al leggendario Shankly. Che ricorda il suo passato di minatore e uomo del popolo rendendo omaggio alla piccola, sconosciuta squadra operaia.

quiSalento

«I migranti, il calcio e il riscatto», di Matteo Tangolo. Maggio 2018

Corriere della Sera

«I mangiaspaghetti di Lussemburgo che dopo il turno vincevano a calcio», di Carlo Vulpio. 31.05.2018

Quotidiano di Lecce

«Polvere e pallone per la storica Junesse», di Claudia Presicce. 19.06.2019

13,00 €
Tasse incluse
Quantità

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password