Everett C. Hughes

Everett C. Hughes

Everett Cherrington Hughes (1897-1983),
sociologo di origine canadese, tra i principali artefici dello sviluppo della sociologia negli Stati Uniti, è stato esponente di spicco della Scuola di Chicago, nella cui università ha svolto il proprio percorso formativo e dove, dopo una parentesi in Canada, ha insegnato tra il 1938 e il 1961, per concludere poi la sua attività di docente, come professore emerito, nelle sedi di McGill e Brandeis (Boston College).
Allievo tra gli altri di Park, Thomas e Faris, è stato studioso della razza e delle relazioni etniche, metodologo della ricerca e dell’indagine sul campo, del lavoro e dei processi di industrializzazione e organizzazione, e, all’interno di questo, della medicina. Fautore dei metodi qualitativi e espressione di un rapporto diretto tra la prima e la seconda Scuola di Chicago, ha rappresentato a pieno la storia e la riflessione teorica di quella comunità scientifica. È stato, tra l’altro, direttore del Dipartimento di Sociologia dell’Università di Chicago (1952-’56), e, nel ’63, presidente dell’American Sociological Association.
Tra le sue opere principali Men and their Work (1958), volume contenente tredici suoi scritti, attenti al rilievo sociale e individuale delle occupazioni, Boys in White (1961, insieme a H. Becker, B. Geer, A. Strauss) e Making the Grade (1968, insieme a H. Becker e B. Geer) studi sulle scuole mediche, e The Sociological Eye: Selected Papers (1971) opera curata da Howard Becker, che raccoglie una selezione ampia dei suoi principali scritti sui temi dei quali fu esponente di rilievo.

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password